lunedì , Ottobre 14 2019
Home / Altcoin / Stablecoins sostenuti dalla Fiat ⁠— Tentativo di prendere il meglio dei due mondi

Stablecoins sostenuti dalla Fiat ⁠— Tentativo di prendere il meglio dei due mondi

Stablecoin tenta di essere valute legali tra i cryptos. Possono essere un mezzo di scambio, un mezzo per archiviare valore e un'unità di conto. A differenza di altre monete digitali, le stablecoin sono legate a una sorta di bene stabile – come il dollaro degli Stati Uniti, l'euro o persino l'oro. Il collegamento a tali attività conferma la stabilità della moneta e mitiga la volatilità delle criptovalute.

Correlati: Stablecoins Explained

Con questo tipo di token, la società emittente dovrebbe conservare un importo uguale di valuta fiat per sostenere il valore di il token. Il proprietario di questo token dovrebbe essere in grado di scambiarlo con denaro in qualsiasi momento.

Le origini "stabili"

Un'idea per rendere stabili le criptovalute e legare il suo tasso di cambio a un'attività tradizionale è apparsa nel 2012, tre anni dopo Bitcoin (BTC) è emerso per la prima volta. Il progetto fu chiamato Mastercoin, che in seguito fu ribattezzato Omni.

Ora, gli sviluppatori legano le stablecoin non solo al dollaro USA, ma anche all'euro e allo yen giapponese. Tuttavia, alcune di queste valute non hanno finora ricevuto così tanta attenzione quanto la stablecoin più riconosciuta in questo momento – ovvero Tether.

Il primo stablecoin è attualmente il più popolare e ha la più grande capitalizzazione di tutte le stablecoin. L'USD è al sesto posto tra tutte le criptovalute con una capitalizzazione di oltre $ 4,1 miliardi.

La moneta è stata creata nel luglio 2014 con il nome di "Realcoin" dal vicepresidente di Starbucks Stanley Hainsworth. Qualche tempo dopo il lancio del progetto, la criptovaluta era aggiunto allo scambio di criptovaluta di Bitfinex. Inizialmente, le società non hanno rivelato la loro relazione. Tuttavia, nel 2017, grazie a una falla di documenti chiamati Paradise Papers, la comunità di criptovalute ha appreso che Tether Ltd. e Bitfin ex avevano gli stessi proprietari.

All'inizio Tether lottò per guadagnare popolarità tra i commercianti di criptovalute. Pertanto, nel novembre 2014, la società ha deciso di effettuare un rebranding completo, a seguito del quale Realcoin è stato ribattezzato Tether. La società di gestione e unico emittente di Tether è Tether Ltd. Il primo blocco della rete Tether è stato generato il 12 marzo 2015.

Correlati: Tether Stablecoin: il mercato crittografico può vivere senza di esso?

Un Tether è uno -a-uno ancorato al dollaro USA e, secondo il sito web ufficiale, è completamente garantito dalla riserva monetaria della piattaforma Tether. La maggior parte delle monete Tether sono emesse sulla blockchain Bitcoin attraverso il protocollo Omni Layer. Il Tether è una delle criptovalute più popolari al mondo perché Tether non è, in realtà, criptovaluta ma denaro fiat digitalizzato.

Ma a gennaio 2018, la Commissione commerciale futures su materie prime (CFTC) statunitense ha avviato una causa contro Bitfinex e Tether, sa che il regolatore dubitava che i 2,3 miliardi di token emessi da Tether fossero effettivamente sostenuti dalla stessa quantità di dollari.

Nel 2017, prima di ricevere una citazione dalla CFTC, Tether utilizzava i servizi della società Friedmann per condurre un audit e pubblicato i risultati. Inoltre, nel febbraio 2018, il rapporto sullo scambio di derivati ​​Bitmex includeva l'ipotesi che Tether avesse riserve sufficienti per garantire tutti i token USDT in circolazione.

Un altro confronto con i legislatori ha avuto luogo nell'aprile 2019, quando il procuratore generale di New York ha intentato una causa che ha accusato Bitfinex di utilizzare le riserve di Tether per coprire perdite di $ 850 milioni. Secondo la causa, Bitfinex non è stato in grado di stabilire normali rapporti bancari e ha investito oltre 1 miliardo di dollari in Crypto Capital Corp. Si dice che i fondi fossero stati raggruppati tra depositi societari e clienti, e non è stato firmato un singolo contratto.

Nonostante le cause legali e la mancanza di audit, la capitalizzazione di criptovaluta attualmente supera i $ 4 miliardi e molti investitori continuano a favorire questo asset, il che significa che credono nella sicurezza e affidabilità di Tether.

TrueUSD

TrueUSD è supportato dagli Stati Uniti dollaro e rappresenta il primo stabletoken ERC-20 costruito sulla blockchain di Ethereum. In sostanza, la piattaforma TrueToken, che è alla base di TrueUSD, è progettata per creare token con il supporto di risorse fiat.

Il progetto è stato lanciato all'inizio del 2018 dopo aver raccolto $ 20 milioni.La società è stata supportata da investitori come Stanford – StartX, Founders Fund Angel, FJ Labs e BlockTower Capital. A differenza di altre criptovalute, TrueUSD non ha limiti superiori all'emissione di token, poiché il concetto di fornitura dipende direttamente dalla quantità di dollari in deposito.

La principale differenza tra TrueUSD e altre stablecoin è l'attenzione della moneta sul miglioramento significativo della trasparenza e il rispetto della pratica legale, poiché si sosteneva che Tether mancasse in quel dipartimento.

Stati Uniti i dollari che garantiscono la stabilità TrueUSD sono detenuti da diverse società fiduciarie in diversi conti bancari anziché essere gestiti dalla stessa società. Il contenuto dei conti di deposito a garanzia è pubblicato quotidianamente e gli audit sono condotti su base mensile, il che presumibilmente conferma che il pegging one-to-one con il dollaro è in atto.

Ma il problema più difficile, secondo il team di progetto, era convincere gli utenti della reale affidabilità del token. Rafael Cosman, co-fondatore e Chief Technology Officer di TrueToken, ha dichiarato a Cointelegraph:

“Gli oneri tecnici, finanziari e legali sono tutti sostanziali – ma la sfida più grande di tutte è guadagnare e mantenere la fiducia dei tuoi utenti. Sebbene offriamo la trasparenza dei regolari audit di terze parti, i costi di transazione più bassi di qualsiasi stablecoin ERC20 e forti collaborazioni, gli utenti tendono a scegliere le stablecoin che utilizzano in base al passaparola e all'esperienza dell'utente, che include il servizio clienti. "

Gemini USD

Gemini Dollar (GUSD) è stato rilasciato il 10 settembre 2018. Secondo gli sviluppatori, il Gemini Dollar è direttamente ancorato al dollaro USA. Gemini Dollar si basa sulla blockchain di Ethereum e utilizza lo standard ERC-20. In termini di componente tecnico, non differisce da altre criptovalute basate su Ether (ETH).

Al lancio del progetto, non sono state effettuate né un'offerta iniziale di monete né una prevendita. Il sistema funziona sulla base di contratti intelligenti che controllano il processo di emissione di token. Il codice di criptovaluta è aperto ed è disponibile per chiunque sia interessato a verificarlo. Lo stesso vale per i contratti intelligenti utilizzati nel sistema.

Anche il dollaro Gemini non ha limiti di emissione massimi. Il numero di token in circolazione è uguale allo stock di dollari statunitensi mantenuto per supportare la criptovaluta. L'audit è condotto da Trail of Bits, una società di ricerca e sviluppo sulla sicurezza delle informazioni, il cui rapporto è pubblicamente disponibile. L'ultimo rapporto è stato pubblicato nell'agosto 2019.

Correlati: Stablecoins sostenuta da metalli preziosi – Come funzionano?

Paxos Standard

Nel 2012, gli Stati Uniti La Securities and Exchange Commission ha registrato la Paxos Trust Company basata su blockchain, che aveva ricevuto una licenza dal regolatore. La società ha creato la piattaforma blockchain Paxos per gli insediamenti in contanti.

A settembre 2018, gli sviluppatori hanno annunciato la criptovaluta nativa dell'azienda, lo stablecoin Paxos Standard (PAX) legato specificamente al dollaro USA. PAX può essere scambiato con qualsiasi altra risorsa digitale utilizzando lo scambio di criptovalute di Paxos. itBit.

Poiché PAX non ha una propria blockchain, i token sono token standard ERC-20 basati sulla blockchain di Ethereum. Questo è il motivo per cui lo stablecoin PAX può essere salvato su qualsiasi portafoglio crittografico creato per la piattaforma Ethereum.

Questa stablecoin è stata creata per il trasferimento rapido e lo scambio di denaro fiat, riducendo i costi associati alle transazioni transfrontaliere e le commissioni per i trasferimenti di denaro. PAX non ha limiti di emissione e non è possibile creare nuovi token tramite il mining.

PAX è controllata da due società di revisione: Withum, responsabile del monitoraggio delle riserve finanziarie di Paxos e Nomic Labs, che verifica i contratti intelligenti.

EURS

Stasis EURS (EURS) è una stablecoin decentralizzata la cui il valore è ancorato all'euro. I conti sono gestiti da una società i cui uffici sono situati nell'Unione Europea. Secondo gli sviluppatori, la criptovaluta è stata creata appositamente per gli investitori istituzionali in Europa. L'obiettivo principale del progetto era l'implementazione del concetto di asset di magazzino sulla rete blockchain.

EURS è stato lanciato a luglio 2018 e funziona in cima alla blockchain di Ethereum. Lo scambio britannico DSX è stato il primo a sostenere il progetto. Gli sviluppatori hanno affermato che la piattaforma funziona secondo le regole che garantiscono la trasparenza per gli investitori.

Il codice di condotta consiste in estratti conto obbligatori e audit trimestrali da parte di BDO Malta. Secondo la società, la sua riserva di garanzia è gestita da una "istituzione europea con rating AAA".

Il CEO di EURS, Gregory Klumov, ha detto a Cointelegraph che ha deciso di creare una stablecoin sostenuta dall'euro dopo aver visto Tether guadagnare trazione: [19659024] "Ho sempre voluto creare un concorrente per il dollaro USA e semplificare la portata della valuta sottostante, l'euro, ha molto senso dal punto di vista macro. I regolatori statunitensi non separano le attività digitali dai bucket esistenti che già regolano (ovvero materie prime, titoli, MSB). Ma i regolatori europei trattano la classe di attività in modo più competitivo e prevedo che adegueranno la normativa in materia di moneta elettronica per includere le carte di credito. È stato sviluppato 20 anni fa e sta diventando obsoleto a causa della tecnologia blockchain. A mio avviso, le stablecoin dovrebbero essere viste come moneta elettronica 2.0. "

DAI

La DAI di criptovaluta è una stablecoin ancorata al dollaro USA ed è stata lanciata alla fine del 2017. Questo è il token interno della piattaforma MakerDAO, che mantiene e stabilizza il valore di DAI con un sistema dinamico di posizioni di debito collateralizzate, meccanismi di feedback autonomi e attori esterni di rilevante interesse.

Secondo il sito web del progetto, DAI è la prima stablecoin decentralizzata sulla blockchain di Ethereum. Utilizzando meccanismi di mercato esterni e incentivi economici, la piattaforma MakerDAO stabilizza il costo del DAI a $ 1, mentre il pieno controllo dei processi su Ethereum elimina la necessità di fidarsi delle organizzazioni centralizzate e preoccuparsi degli audit esterni.

Lo schema di emissioni DAI si presenta così: l'utente invia una certa quantità di Ether al contratto intelligente che emette in cambio i token DAI, il che significa che i token DAI appena creati rappresentano effettivamente un debito collateralizzato verso MakerDAO.

La caratteristica principale di MakerDAO è che la piattaforma utilizza due token – lo stablecoin DAI e l'utility token Maker (MKR). MKR agisce come una sorta di "carburante" per pagare commissioni per l'utilizzo di contratti intelligenti. Dopo aver pagato la commissione, i token MKR vengono bruciati.

Entrambi i token DAI e MKR vengono scambiati su scambi centralizzati e decentralizzati come Binance e HitBTC. Nel settembre 2018, il progetto ha attirato $ 15 milioni in finanziamenti dall'impresa di venture capital Andreessen Horowitz.

Correlati: Sfide che stanno affrontando gli Stablecoin, spiegato

Conclusione

Vari sviluppatori in tutto il mondo stanno tenendo d'occhio lo sviluppo di stablecoin poiché la tecnologia mira ad alleviare le altre carenze, stanno vivendo criptovalute più volatili. Inoltre, le stablecoin possono diventare un intermediario nel processo di sostituzione dell'offerta di moneta fisica con una digitale. Secondo il modulo TrueToken di Rafael Cosman:

“Consideriamo le stablecoin parte integrante della costruzione dell'infrastruttura finanziaria del futuro. La nostra missione è la crescente opportunità economica per tutti e rendere il denaro più facile da accedere, spostare, archiviare e utilizzare è sempre stato il primo passo. Non è tanto una cura per la volatilità di crypto, ma è uno strumento per l'inclusione finanziaria. ”

About CryptoNews

Check Also

The Final Frontier for Global Crypto Adoption

All'inizio di settembre, Cointelegraph ha riferito che la startup israeliana per la sicurezza informatica GK8 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *