lunedì , Ottobre 14 2019
Home / Ethereum / KIK chiude Messenger e licenzia il personale per continuare la lotta contro la causa SEC

KIK chiude Messenger e licenzia il personale per continuare la lotta contro la causa SEC

Il gigante della messaggistica Kik è stato coinvolto in uno scontro intenso con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti nel corso dell'ultimo anno per una raccolta fondi simbolica eseguita alla fine del 2017. Le ultime notizie, confermate dal CEO di Kik Ted Livingston, riportano che l'azienda chiuderà l'app Kik e ridurrà il personale a circa il 10% dell'attuale personale. Secondo Livingston, questa mossa è il risultato diretto della causa SEC mentre la società viene prosciugata dai suoi fondi.

Storia della causa

Kik apertamente e smentì con enfasi qualsiasi illecito, inviando un 30- lettera della pagina in risposta all'Avviso Wells. La lettera era così fiduciosa che la risposta si concluse con: "Se la Commissione dovesse scegliere di presentare un ricorso, Kik e la Kin Foundation sono pronti a litigare e sono fiduciosi che prevarranno in tribunale."

Correlati: Kik ha una possibilità contro il Golia della SEC in un tribunale degli Stati Uniti?

A seguito del compagno di stato, i negoziati si sono svolti fino all'inizio del 2019, con la SEC che ha richiesto ulteriori documenti e informazioni da Kik. In un rapporto pubblicato il 16 maggio, è stato rivelato che questi negoziati in corso erano costati a Kik oltre $ 5 milioni. Il driver principale nel respingere Kik è la mancanza di chiarezza fornita dalla SEC. Più tardi quel mese, Livingstone ha rivelato in un podcast il lancio del Defend Crypto Fund istituito per finanziare la battaglia in corso:

“E dopo aver trascorso 18 mesi e oltre $ 5 milioni a cercare di lavorare con loro, continuiamo a essere super frustrati dalla mancanza di chiarezza […] e quindi abbiamo messo insieme il file di crittografia.org, e ciò che sta dicendo è che l'unico modo per ottenere chiarezza è se qualcuno va in tribunale, e quindi siamo pronti a farlo . ”

Il fondo ha ricevuto oltre $ 1,6 milioni in contributi, che possono essere inviati in 19 diverse criptovalute, comprese tutte le principali come BTC, ETH, LTC e XRP. Tutti i fondi sono tenuti in portafogli da Coinbase. Attualmente, il sito Web elenca i principali sostenitori di questo fondo come Kin, Shapeshift, Messari, Arrington Capital, Fight for the Future e Blockchain Association, che supervisiona tutte le spese dei fondi.

Secondo il sito Web del Fondo, Kik ha ad oggi ha già speso $ 6 milioni e ha impegnato altri $ 5 milioni per portare chiarezza di regolarità all'industria Blockchain. Questa iniziativa di Kik ha ricevuto il supporto su Twitter da parte di artisti del calibro di Anthony Pompliano:

"Sembra che affronteranno i regolatori in tribunale per creare un test Howey per la criptovaluta. Le cose stanno per diventare molto interessanti. "

Alcune società come la società di servizi finanziari Circle e uno scambio di criptovalute Polioniex apertamente hanno sostenuto il programma:

" Siamo stati molto chiari sulla necessità di chiarezza normativa in modo che la criptovaluta possa prosperare negli Stati Uniti e fortunatamente non siamo soli in questa lotta. Circle & @Poloniex supportano e applaudono gli sforzi di @ kin_foundation per #defendcrypto "

Alcuni avvocati vedono questo caso come un momento determinante per la regolamentazione delle criptovalute in tutto il mondo. Dave McGill dello studio legale Kobre & Kim, ha detto a Cointelegraph:

“In termini di ritmo del contenzioso, questo è uno dei motivi per cui KIK ha costruito una cassa di guerra sul fronte della disputa. KIK ha capito che questa sarebbe stata una battaglia prolungata e, a giudicare dalla risposta bruciante della terra di 130 pagine che ha archiviato in risposta alla denuncia della SEC, KIK intende attaccare l'integrità dell'indagine della SEC in ogni fase del processo. "[19659011] Anche Samuel Katz, avvocato specializzato in titoli e società, ha scritto su Twitter per la sua opinione sulla questione. Sebbene non fosse convinto che il caso fosse risolvibile, riteneva che la spinta per la chiarezza della regolarità fosse estremamente importante:

“Non sono un litigatore, ma avendo letto l'eccellente risposta di Kin all'avviso di Wells, non sono ancora sicuro che sia un caso vincente […] Spendere $ 5 milioni in una benda che potrebbe non funzionare nemmeno mi sembra un grande spreco. Gli Stati Uniti devono guidare questo e risolverlo cercando di mantenere i token al di fuori della legge sembra inutile poiché gli investitori e la protezione dei consumatori sono valori molto forti negli Stati Uniti […] È facile rimanere dietro al #defendcrypto movimento per contrastare l'approccio della SEC finora, ma non fornirà la soluzione a lungo termine necessaria. "

Non tutti i feedback sono stati positivi, con alcune persone che lo hanno definito una presa di denaro da parte di Kin, o l'approccio sbagliato e solo un "bandaid". Il popolare influencer criptato su Twitter David Gokhshtein ha pubblicato un video che spiega che Kik aveva più che sufficienti fondi per finanziare questa battaglia e che il Defend Crypto Fund potrebbe essere alimentato da motivazioni diverse dal riunire la comunità in Combattere un'ingiustizia.

L'ultimo rapporto del caso arrivò durante un deposito giudiziario il 6 agosto, in cui gli avvocati di Kik affermarono che la SEC prese citazioni fuori contesto e manipolò fatti per sostenere le loro accuse. L'archiviazione afferma che le accuse contro Kik non sono supportate da prove concrete e che la SEC ha successivamente fatto ricorso a una falsa rappresentazione dei fatti:

"Invece, il reclamo della Commissione riflette uno sforzo coerente per distorcere i fatti rimuovendo le citazioni dal loro contesto e travisando i documenti e le testimonianze che la Commissione ha raccolto nella sua indagine. "

Kik porta la battaglia al livello successivo

Le ultime notizie hanno suscitato grande scalpore sia nella criptovaluta che nelle comunità di Kik, con l'annuncio che Kik chiuderà la loro app di messaggistica e licenziare fino all'80% del personale nel tentativo di continuare le battaglie legali con la SEC. L'azione drastica è stata il risultato diretto della battaglia legale in corso, ha spiegato Livingstone nel suo post sul blog:

"Insieme, questi cambiamenti ridurranno il nostro tasso di combustione dell'ottantacinque percento, mettendoci in grado di superare il processo della SEC con risorse che abbiamo. ”

Il post sul blog prosegue spiegando come procederà l'azienda e delinea tutti i cambiamenti che si verificano, a partire dall'arresto dell'app Kik. Kik impiega attualmente oltre 100 persone, 70 delle quali hanno già ricevuto avvisi di licenziamento. Nel tentativo di gestire le risorse nel suo caso legale con la SEC, la società si ridurrà a un team di dipendenti “elite” barebone. Questo team si concentrerà sulla conversione degli utenti Kin in acquirenti Kin.

Si parla del tentativo del team di ridurre al minimo l'impatto sui dipendenti offrendo a ogni persona un ruolo in un'azienda come Kik. Ci sono pochissime informazioni su chi sia questa azienda, se i ruoli saranno gli stessi o se c'è qualche relazione tra questa nuova società e Kik.

Correlati: Crypto in Court – Overview of the Biggest Lawsuits Worldwide

Nel post sul blog personale di Livingstone, ha sottolineato la sua fiducia nel fatto che l'infrastruttura Kin sia già una forza inarrestabile che persino la SEC non ha autorità su "Ma qualunque cosa accada a Kik, Kin è qui per restare". Livingstone ha terminato il suo incarico con la sua promessa di continuare a far crescere l'ecosistema Kin che verrà utilizzato da miliardi di persone.

Anche se questo ha avuto un impatto sull'ecosistema Kin, ci sono circa 60 app che usano ancora il token secondo Livingstone. Per quanto riguarda la chiusura di Kik, Ben Sauter di Kobre e Kim Law hanno detto a Cointelegraph che le conseguenze superano di gran lunga le azioni:

"Una cosa che mette in evidenza la chiusura di Kik è il danno collaterale della mentalità della SEC secondo il regolamento. Questo non è un caso di frode; si tratta solo di stabilire se i titoli sono stati correttamente registrati. Tuttavia, la società è ora costretta a chiudere un'app popolare e licenziare molti imprenditori. È un risultato piuttosto drastico. "

Kik spera di portare questo caso in giudizio non appena maggio 2020, ma ci si aspetta un respingimento da parte della SEC. In un rapporto di Global News del 25 settembre, il CEO di Kik Ted Livingstone ha parlato al pubblico durante la conferenza Elevate di Toronto:

“Dobbiamo andare avanti. Fino a quando non è così, non ci resta un dollaro, una persona rimasta. Continueremo, non importa quanto sia difficile. ”

Risposta della comunità

Questo post ha ricevuto una risposta abbastanza forte dalla comunità crittografica, con molte risposte negative che criticavano la chiusura di Kik come mossa questo ucciderà Kin. Su Twitter, il funzionario ufficiale di Kik deve ancora sorprendentemente fare un annuncio, mentre l'account Kin semplicemente ha condiviso il post senza menzionare la chiusura. Ciò non ha impedito agli utenti di contattare Twitter di Kik per esprimere la propria opinione in merito, soprattutto positivo con un utente che ha persino chiesto a un Kickstarter di salvare l'app Kik.

Anche la pagina dell'app Kik ha ricevuto alcune risposte che l'app era piena di contenuti per adulti e necessitava di un cambiamento indipendentemente dalla situazione. Ciò è dovuto a settembre 2018, in cui un'indagine della BBC ha rilevato 1.100 casi di abusi sessuali su minori che coinvolgono l'app Kik.

Questo caso si pone come una base su cui potrebbero essere costruite le future normative, non solo negli Stati Uniti ma a livello globale. Indipendentemente dal risultato, la più ampia comunità spera che ciò possa migliorare la chiarezza normativa che le autorità di tutto il mondo forniranno e sottolineeranno l'importanza di lavorare con i leader del settore per un ambiente più inclusivo.

About CryptoNews

Check Also

Secured Gold Coin Pty Limited lancia SGC Coin, SGC Blockchain e SGC PAY promuovendo l'usabilità della criptovaluta

MELBOURNE, AUSTRALIA 2 OTTOBRE 2019: Blockchain di origine australiana e società di cripto-attività, Secured Gold …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *