domenica , Dicembre 15 2019
Home / Ethereum / Crypto Miners romperà un profitto nel 2020?

Crypto Miners romperà un profitto nel 2020?

  • Il prossimo evento dimezzante dei premi di mining Bitcoin è nel maggio 2020.
  • Un tipico ciclo boom-o-bust si avvicina al periodo dimezzato.
  • È sempre più sfuggente per le operazioni su piccola scala e di mining da solo per sostenere i profitti. [19659004] Il dimezzamento dei premi di mining di Bitcoin, che dovrebbe verificarsi nel maggio 2020, ha da tempo monopolizzato discussioni sulla valutazione delle risorse digitali e sulla redditività del mining di criptovaluta.

    Il primo dimezzamento ha avuto luogo il 28 novembre 2012, con un prezzo di $ 12,50 . La seconda metà ha avuto luogo il 9 luglio 2016, con un prezzo di $ 650. Ora che molti investitori istituzionali sono entrati nel mercato delle criptovalute, sarà entusiasmante osservare come questo influirà sul dimezzamento del 2020 e il prossimo evento spiegherà se i precedenti aumenti dei prezzi dei Bitcoin sono stati causati dal dimezzamento dei blocchi, o se fossero semplicemente una coincidenza.

    Il prossimo evento di dimezzamento vedrà le ricompense di blocco per i minatori Bitcoin ridotte da 12,5 BTC per ogni blocco estratto a 6,25 BTC dopo il dimezzamento, il che significa che verrà generato il 50% in meno di bitcoin ogni 10 minuti. Ciò influirà anche sulla fornitura di nuove monete che entreranno in circolazione.

    La redditività del mining di criptovalute è uno degli argomenti da discutere al prossimo vertice mondiale sulle miniere digitali a Francoforte. CoinDesk riferisce che più di 1.000 partecipanti con un pubblico di produttori di minatori, minatori esperti, proprietari di miniere agricole, pool di miniere, fornitori di energia, commercianti OTC, investitori istituzionali, fornitori di soluzioni chiavi in ​​mano, organizzazioni blockchain, società fintech, parteciperanno a un dibattito sul

    Jihan Wu, co-fondatore ed ex CEO di Bitmain, è stato pessimista su un potenziale dimezzamento post aumento dei prezzi.

    Wu ha detto:

    Forse le persone speculano troppo prima del dimezzamento, e poi tu non posso più vendere le buone notizie. Forse, questa volta non sta ancora arrivando un ciclo rialzista. Durante la prima e la seconda metà, le persone non sapevano cosa aspettarsi e durante la seconda metà il dibattito sul ridimensionamento ha complicato la situazione. Ora la gente se lo aspetta.

    Dall'altro lato, gli analisti della piattaforma di cripto-comunità Ethereum Express sostengono che il cripto mining tornerà alla redditività nel 2020. I ricercatori hanno anche scoperto che il mercato globale del cripto mining sta crescendo ad un composto annuale annuale tasso di crescita del 29,9 per cento. Il mercato è stato valutato a $ 611 milioni nel 2016, $ 8,9 miliardi nel 2019 e si prevede che raggiungerà $ 11,56 miliardi nel 2020, seguiti da $ 42,76 miliardi nel 2025.

    Alla domanda sull'attuale situazione mineraria e sulle sfide associate, Ethereum Il fondatore di Express Vlad Miller ha dichiarato:

    Anche se l'industria mineraria è interessante per gli investimenti e svolge un ruolo importante nel mantenimento della salute delle blockchain, ci sono ancora diverse barriere in questo settore che causano inconvenienti per la maggior parte degli utenti ordinari. Tuttavia, il mining recupererà la sua posizione di leader nel settore delle criptovalute poiché il principale vantaggio del mining è la capacità di eliminare il monopolio sui dati da parte di aziende che possiedono enormi strutture di elaborazione dei dati.

    Inoltre, l'analisi dei dati di hashrate di Bitcoin mostra che la potenza di calcolo dedicato alla rete non è stato influenzato dall'improvviso calo dei prezzi che l'asset digitale ha sperimentato il 21 novembre. In effetti, l'allocazione dell'hashate ha raggiunto il secondo massimo storico.

    L'hashate del bitcoin ha raggiunto il picco vicino ai massimi record nel novembre 2019. | Fonte: Blockchain.com

    Redditività ridotta e ulteriore consolidamento?

    Il dimezzamento delle ricompense a blocchi è stato elencato come uno degli eventi più importanti e attesi anche per i minatori. Con la riduzione della ricompensa, la redditività sarà ulteriormente esaminata, almeno a breve termine.

    Si prevede che ASICS non sarà più redditizia per i loro proprietari. Secondo il CEO di Genesis Mining Marco Streng, l'Antminer S9, che è stato il modello ASIC più popolare prodotto da Bitmain, ha esaurito il suo limite di produttività e "molti minatori corrono con un margine di profitto".

    L'S9 e Le serie A851 di Canaan Creative sono alcune delle attrezzature da miniera più utilizzate al momento. Basato sull'indice F2Pool del pool di mining, questi modelli più vecchi hanno un margine di profitto del 50 percento al prezzo attuale di Bitcoin.

    L'incapacità dei minatori più anziani con attrezzature obsolete di generare profitti porterà l'industria a un ulteriore consolidamento per rimanere redditizia. I pool di mining inefficienti verranno eliminati. Ne è una prova il fatto che attualmente i minatori indipendenti più piccoli sono responsabili per meno del 20 percento del mercato minerario Bitcoin.

    Tutte quelle infrastrutture identificate nella tabella seguente non sono attualmente redditizie, quindi è abbastanza preciso affermare che senza un importante prezzo al rialzo apprezzamento devono interrompere le operazioni. Eccezioni, ovviamente, si applicano se il costo dell'elettricità è più economico di quello indicato nella piattaforma.

    In precedenti arresti del mercato, macchine minerarie non redditizie scaricate come rottame come la stagione delle piogge cinese regionale (quando l'elettricità a basso costo è garantita grazie all'abbondante energia idroelettrica ) giunse al termine.

    Le apparecchiature di estrazione di generazione precedente non sono state efficienti dal punto di vista energetico. | Fonte: F2Pool

    D'altra parte, le nuove attrezzature per miniere potrebbero offrire margini di profitto elevati anche con l'attuale mercato BTC. Ancora una volta, è necessaria una revisione più attenta per quanto riguarda i costi di manutenzione, sicurezza, assicurazione, rischio normativo, volatilità dei prezzi e rimborso delle macchine per determinare se il mining di Bitcoin è redditizio per i minatori individuali e di piccole dimensioni che non sono in grado di beneficiare dell'economia di scala.

    I nuovi minatori di criptovalute si stanno dimostrando più redditizi. | Fonte: F2Pool

    Le valute di mining più popolari includono Bitcoin, Bitcoin Cash, Bitcoin Satoshi Vision, Bitcoin Core, Litecoin, NEO, ZCash, Ethereum, Ethereum Classic, DASH, Monero, SiaCoin, Monero, Decred, Horizen, Verge e a pochi altri. Naturalmente, ci sono numerose opportunità di mining per i token di capitalizzazione di mercato più piccoli, ma quelli provengono principalmente da hobbisti o minatori indipendenti.

    IPO di mining di criptovalute – la fine dell'era Gold Rush

    Il gigante del mining di Bitcoin Canaan Creative ha raccolto recentemente $ 90 milioni nella sua offerta pubblica iniziale, un importo impressionante, ma oltre il 75% in meno del previsto. Il 20 novembre Bloomberg ha riferito che Canaan ha venduto 10.000.000 azioni per $ 9 ciascuna.

    Attualmente, la società è il secondo produttore di apparecchiature di mining Bitcoin al mondo. Nonostante ciò, Canaan ha prodotto enormi perdite, con flussi di cassa negativi dal 2018. Secondo il loro rapporto di archiviazione, la società ha avuto una perdita netta di $ 48,2 milioni solo durante la prima metà del 2019.

    Vale la pena di esplorare perché una IPO originariamente la previsione di produrre $ 400 milioni ha comportato una raccolta fondi di $ 90 milioni. Dopo aver fallito nel garantire una IPO a Hong Kong lo scorso anno, Canaan si è concentrato sulla raccolta di fondi negli Stati Uniti. Per motivi che rimangono sconosciuti, Canaan ha perso il supporto della sua più grande banca, il Credit Suisse, proprio la scorsa settimana. Si ritiene che questo sia il motivo della significativa riduzione delle dimensioni dell'IPO.

    Indipendentemente dal risultato dell'IPO, Canaan è il primo gigante di cripto mining ad ospitare una IPO e i risultati di trading scadenti potrebbero essere un segnale di interesse decrescente nel mining di criptovaluta in generale. I concorrenti di Canaan, Bitmain e Coinshares hanno anche lottato con i regolatori e hanno ritardato le loro IPO.

    Allo stesso modo, Bitmain Technologies ha recentemente presentato una domanda di IPO alla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. L'importo che Bitmain intende raccogliere rimane non divulgato e la SEC richiede tre turni di indagini con l'ultimo che dovrebbe durare circa due mesi.

    Bitmain tentò e fallì nel tentativo di rendere pubblico a Hong Kong. | Fonte: Bitmain

    All'inizio del 2018 Bitmain ha tentato di presentare una controversa IPO da $ 3 miliardi alla borsa di Hong Kong a settembre 2018. Più recentemente, il gigante del mining ha aperto la struttura "più grande del mondo" per il mining di Bitcoin a Rockdale, in Texas [19659005] Il gruppo CoinShares con sede nel Regno Unito ha anche preso in considerazione una IPO alla Borsa di Londra, ma le intrusioni del cane da guardia del Regno Unito hanno messo i piani sul ghiaccio. Come riportato da
    CryptoBriefing, la società teme che i regolatori possano negare la loro domanda di offerta pubblica, poiché i loro titoli potrebbero fornire agli investitori al dettaglio un'esposizione indiretta alle risorse digitali.

    È difficile determinare se il mining di criptovaluta è ancora redditizio poiché questo processo dipende fortemente dal costo della redditività. Nonostante ciò, si può osservare che all'interno del mercato si sta verificando un profondo consolidamento. Ciò sta rendendo quasi impossibile sostenere le operazioni di estrazione su piccola scala e in solitaria poiché i profitti sono sempre più sfuggenti. Il 2019 ha visto l'avanzamento dei pool di mining crowdsourcing che hanno aumentato il loro controllo della rete Bitcoin e poiché queste aziende continuano ad espandersi, fungeranno da concorrenti diretti per le grandi società minerarie.

    Informazioni sull'autore : Nikolaos Kostopoulos è un consulente di Fintech in carica con particolare attenzione ai mercati dei capitali e alla tokenizzazione degli asset. Nikolaos è un pioniere nel settore del consenso fin dall'inizio del 2015. È uno dei primi ad adottare ed evangelista entusiasta della tecnologia decentralizzata come modo per migliorare molti aspetti del mondo moderno. La tesi del suo Master "Sviluppare un meccanismo di governance finanziaria e normativa ottimale per le criptovalute nell'Unione europea" è stata tra i primissimi documenti accademici a sostenere la necessità e il metodo per regolare le criptovalute nell'Unione europea. Nikos è un oratore frequente in occasione di eventi finanziari relativi alla regolamentazione e alle offerte di token di sicurezza.

    Questo articolo è stato modificato da Samburaj Das .

About CryptoNews

Check Also

Ethereum Hard Fork Live, ETH rubato spostato, "Gli Hodlers sono pazzi": Hodler's Digest, 2–8 dicembre

Ogni domenica, il Digest di Hodler ti aiuterà a tenere traccia di ogni singola notizia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *